Residenza turistica a Spoleto

Adagioumbro
"Qui anche noi siamo ospiti graditi"
Adagioumbro
Vai ai contenuti

Menu principale:

Una psicologa, una musicista, un’operatrice del terzo settore,  un piccolo imprenditore, un giramondo, una giovane pasionaria. E ancora: associazioni animaliste e ambientaliste, supporter e simpatizzanti dalle diverse professioni, chi psichiatra, chi scrittore, chi amante della cucina, chi pittore. Dietro Adagioumbro, tutti con ruoli più o meno operativi, c’è questa umanità ricca di contaminazioni ideali e passioni, impegnata in un singolare esperimento di ricettività alberghiera- culturale immersa nel territorio e nelle sue tradizioni; segnata dal tratto distintivo di struttura da condividere insieme agli animali; attraversata da suggestioni tutte in sintonia con la bellezza incontaminata della natura circostante e la grande ricchezza artistica, architettonica e culturale di questa terra. Un filo lega tutti i soggetti che danno vita ad Adagioumbro: sono esploratori della vita, instancabili navigatori delle passioni e della curiosità che hanno trovato a Spoleto un porto tranquillo dove depositare le loro esperienze, raccontarle, stimolarne ulteriori per poi rinnovare altre esplorazioni. Questa strana alchimia di soggetti che prima di essere piccoli imprenditori del turismo sono sognatori,  una sola cosa chiede ai suoi ospiti: dialogare, esplorare insieme tutte le possibilità di una permanenza che più di una vacanza deve essere un viaggio  nella intensità delle emozioni.
Il manager
"Sono nato a Bruxelles in Belgio, tre mesi dopo la mia nascita sono partito con i miei genitori per il Congo Belga, dove ho vissuto per otto anni.  A nove anni sono tornato in Belgio e ho terminato i miei studi diventando insegnante di ginnastica, attività che ho svolto per tre anni. Dopo di che, a 22 anni sono tornato a Kinshasa e da lì in poi ho iniziato un percorso speciale e ricco di avventure, in paesi come: Texas, Canada, Zambia, Botswana, Zimbabwe, Tanzania, Congo, Madagascar, Indonesia.
Ho lavorato come autista e trasportatore attraversando la savana, ho avuto un negozio di materiale fotografico, un’attività professionale di pubblicità, manager di diversi alberghi, manager di un’attività di bungee jumping presso le cascate Vittoria, responsabile di un progetto di salvaguardia della foresta e della protezione dei gorilla di pianura in Gabon e in Congo. Dopo aver ottenuto il brevetto di pilota in Texas ho esercitato questa professione in Zambia.
Mi si può definire come un avventuriero e come un grande adolescente e amante dei cambiamenti.
Ho due hobbies, il disegno e la scultura che mi piacerebbe insegnare e condividere con i miei ospiti.
Quello che mi appassiona è l’incontro con la gente, per scambiare le conoscenze e le esperienze vissute. La mia vita mi ha insegnato che l’incontro di culture e mondi diversi dai miei sono una vera opportunità di crescita e di arricchimento.
Ho scelto di fermarmi in questo luogo per il fascino della natura e per la ricchezza della sua storia.  Ma anche per le numerose possibilità di svolgere attività sportive e in mezzo alla natura. Un perfetto equilibrio tra cultura e natura".
Patrick Montuir

Torna ai contenuti | Torna al menu